Recensione: "Allegiant" di Veronica Roth

Pubblicato il da RobinH

Recensione: "Allegiant" di Veronica Roth

Attenzione spoiler!

Essendo l’ultimo capitolo di questa trilogia, mi aspettavo certamente i fuochi d’artificio, soprattutto dopo che Insurgent si era concluso con la divulgazione dell’esplosivo messaggio di Edith Prior.Mi aspettavo che il mondo di Tris e Tobias fosse stato completamente sconvolto, sconquassato da queste rivelazioni, che ci saremmo già trovati di fronte a grandi cambiamenti all’interno delle fazioni, come un nuovo governo o una nuova organizzazione della società e in effetti qualcosa del genere è accaduto. Evelyne Johnson, madre “risorta” di Tobias ha guadagnato il potere guidando i suoi esclusi ma è una dittatrice quanto e come Jeanine Mattews. Ha eliminato le fazioni, proibendo di indossare i colori che le rappresentano e ha costretto i loro ex membri a smettere di vivere nel modo che conoscevano e convivere obbligatoriamente con membri di altre fazioni, non rendendosi conto che per molte persone che non hanno conosciuto altro, questa è una decisione traumatica. Tobias che gode di privilegi speciali in quanto figlio di Evelyne,riesce a evitare che Tris e Cristina vengano condannate per aver divulgato le informazioni di Edith Prior e nel frattempo, la ragazza viene abbordata dagli Alleanti, un gruppo di ribelli in disaccordo con la fine delle fazioni e che desidera seguire il”testamento “ di Edith Prior . Tris si reca dunque a incontrare gli Alleanti insieme a un ristretto gruppo di Intrepidi.Qui i ragazzi vengono informati che le fazioni sono solo un progetto da laboratorio e che fuori dalle mura di Chicago, qualcuno li ha sempre monitorati e controllati senza intervenire. Tris,Tobias, Cara,Christina Uriah e qualche altro intrepido accettano di andare all’esterno per conoscere la verità. Al gruppo si aggiunge anche Caleb, salvato in extremis dalla pena capitale per volontà di Tris. La ragazza non può perdonarlo per aver partecipato alla sua quasi esecuzione, ma come sorella non si sente nemmeno di vederlo morire. Usciti dalle mura del distretto delle fazioni e sopravvissuti a un agguato i ragazzi vengono accolti in un ex aeroporto che ora è un Dipartimento di genetica. Chi lo dirige è David un vecchio amico di sua madre. I ragazzi vengono informati che generazioni prima, la società cominciò a correggere i comportamenti sbagliati e pericolosi modificando i geni, questo però portò a un peggioramento nelle persone e nella società. Allora si decise di fare in modo di far vivere le persone in colonie e aspettare che i geni tornassero a posto. I primi ad avere i geni risanati si sarebbero riconosciuti :sarebbero stati i divergenti. Scoprire di aver sempre fatto parte di un esperimento, di essere sempre stati spiati e trattati come cavie da laboratorio è devastante per Tris e gli altri.

Tris scopre inoltre che sua madre proveniva dall’ ”esterno” e che a 15 anni, quando gli eruditi cominciarono a fare strage di divergenti, si era proposta per ritornare nel progetto per aiutarli. Venne inserita dapprima tra Intrepidi per via dei suoi tatuaggi poi Il piano prevedeva di passare agli eruditi, ma conobbe Andrew e insieme decisero di passare agli Abneganti. Non per questo Natalie smise di lavorare per l’esterno. Queste rivelazioni tormentano Tris, perché si chiede se abbia mai conosciuto veramente sua madre. Dal canto suo Tobias, già sconvolto dal fatto trovarsi in questa nuova, vera realtà subisce un nuovo colpo. Quando il suo dna viene analizzato, si scopre che Tris è una divergente pura , i suoi geni sono risanati e perfetti, lui invece è un anomalia, non è un divergente, i suoi geni sono ancora difettosi, ma un anomalia genetica fa si che sia immune ai sieri. Questo fatto traumatizza il ragazzo in quanto Il fatto di essere un divergente era una delle sue poche certezze. Allo stato d’animo già provato di Tobias si aggiunge la notizia che Marcus pur essendo stato processato non verrà giustiziato, ma punito: il verdetto di Evelyne è che vada a vivere all’esterno. Tobias non può sopportare di sapere che il suo incubo vivente potrebbe capitare nuovamente sulla sua strada. E’ probabilmente la fragilità di questo momento lo porterà a prendere delle decisioni discutibili e che si riveleranno tragiche. Viene infatti accostato da una giovane che lavora in uno dei laboratori di genetica: Juanita/Nita. La ragazza lo porta a conoscenza del fatto che anche all’esterno la società non è gestita democraticamente: coloro che hanno i geni perfetti e coloro che hanno i geni danneggiati, vivono gomito a gomito ma non in maniera equa. I geneticamente risanati (gr) sono dei privilegiati che possono fare carriera, i geneticamente danneggiati(gd) sono spesso molto poveri, discriminati e non hanno speranza di fare avanzamenti di carriera, per questo molti abbandonano la città per vivere in periferia dove regnano caos e pericolo, Nita fa parte di coloro che non si rassegnano a essere una gd senza futuro e propone a Tobias di unirsi alla resistenza e combattere i gpr. Tobias non sa se accettare, ma inizialmente evita di raccontare tutta la storia a Tris. Caleb nel frattempo rivela a Tris che la fantomatica Edit Prior era una loro antenata che lavorava nel campo genetico e fu una delle fautrici della modifica del dna.Dopo un po’ di riluttanza infine Tobias capisce che deve raccontare a Tris dei ribelli per cui la informa di Nita e della resistenza, portandola con se al successivo incontro con la ragazza. Nita non sembra entusiasta della presenza di Tris ma fa buon viso a cattivo gioco,spiega che la resistenza ha un piano: entrare nei magazzini sorvegliati del dipartimento e rubare il siero della memoria. In questo modo cancelleranno i ricordi di ogni membro del dipartimento e non ci saranno più differenze in base ai geni. Tris però,capisce dal risentimento nella voce di Nita che non è questa la verità. Tobias la accusa di essere gelosa lei accusa lui di non stare pensando razionalmente. I due si lasciano in malo modo, Tris non ha intenzione di unirsi all’attacco, ma nemmeno di fermarlo. Alla fine scopre che in realtà i ribelli vogliono rubare e usareil siero della morte e decide di agire. Tobias sabota in sistema di sicurezza del dipartimento e i ribelli fanno esplodere delle bombe come diversivo che tra l’altro feriscono Uriah. Tris riesce a intervenire e fermare Nita, sebbene anche David venga ferito seriamente. Tobias viene arrestato, e Tris gli sputa in faccia il suo risentimento e lo informa del vero piano di Nita. La ragazza si sente doppiamente ferita: perché Tobias l’ha accusata di gelosia e perché non si è fidato di lei .Tobias è sconvolto per le conseguenze del raid e anche perché sente di stare perdendo Tris, tuttavia non viene condannato perché non ritenuto direttamente responsabile dell’attacco . Sentendosi poco accetto dai suoi compagni, il ragazzo comincia a osservare i genitori nella sala monitor del Dipartimento e così scopre che Marcus si è alleato con Johanna Reyes e i suo Alleanti per portare via le armi e il potere a Eveline e gli esclusi. A sua volta Tris scopre che il Dipartimento di genetica a questo punto vuole usare in maniera aerea il siero della memoria e resettare la memoria di tutto il suo distretto ed evitare una guerra civile. Ma Tris, che ha ormai perdonato Tobias perché capisce di amarlo troppo, decide che saranno loro a cancellare la memoria di tutta la popolazione presente nel Dipartimento di genetica.Il piano è questo: Caleb si sacrificherà entrando nel deposito custodito dove viene tenuto il siero delle memoria e Tris e il suo gruppo lo useranno nel Dipartimento,nello stesso momento Tobias e un'altra squadra si insinueranno nel distretto per dare alla famiglia di Uriah il siero per non perdere la memoria. Tobias decide inoltre per un bene superiore ,di cancellare i ricordi di almeno uno dei suo genitori. Sceglie sua madre, ma dopo un colloquio a cuore aperto, Eveline prova a Tobias il suo amore arrendendosi e accordandosi con Johanna Reyes per una conclusione pacifica del conflitto. Nel frattempo nel dipartimento all’ultimo Tris, capisce che non vuole sacrificare Caleb e prende il suo posto nelle m. Il siero delle morte la indebolisce ma non la uccide. È invece David a spararle, ma non prima che la ragazza sia riuscita a diffondere il siero delle memoria. Tris muore eroicamente, con l’immagine della madre che la accoglie tra le sue braccia. Tobias, inebetito da questa perdita, decide di cancellare i propri ricordi e diventare un'altra persona, ma Christina lo dissuade ricordandogli di quanto fosse coraggiosa Tris e come la ragazza non avrebbe approvato questa prova di debolezza. Tobias capisce che l’unica cosa che possa fare è contribuire a costruire un mondo migliore e più giusto. Due anni dopo, per rendere omaggio a Tris, decide di vincere una delle sue paure e si lancia per la zip-line disperdendo le ceneri della sua amata sulla città. Il sacrificio di Tris, il suo esempio e la sua forza hanno piantato tanti semi di speranza e rinascita.Tobias e Tris sono cresciuti durante lo svolgimento della trama di tutti e tre i romanzi e così il loro amore. Da discepola e maestro, a coppia forte e unita che ha comunque vissuto dei momenti difficili di paura e insicurezza. A loro modo Tris e Tobias, si sono traditi, riconquistati, porti la mano. Tobias, così fiero e sicuro di se nel primo libro, ha mostrato in Allegiant le sue fragilità, se ne è fatto travolgere, ma si è riscattato in nome dell’amore e dell’esempio di Tris. La nostra Tris, ha ormai un posto nel mio cuore: spavalda, determinata, pronta a seguire sempre il suo cuore, non ha mai tradito se stessa andando incontro ad un destino tragico ma glorioso. Mi sarebbe piaciuto vederla vivere in un mondo libero e giusto, ma per citare le parole di Tobias

Immagino che una fiamma che brucia con tanta intensità non sia destinata a durare.

Un degno finale per una delle migliori saghe di genere distopico degli ultimi tempi.

fonte immagine.goodreads

Commenta il post